ACCADEMICO

Dottore di ricerca in economia della cultura, docente universitario, ricercatore ed autore, Paolo Petrocelli è un appasionato accademico, con una solida esperienza internazionale di docenza, ricerca e gestione di progetti di alta formazione professionale.

Educazione

Paolo Petrocelli ha saputo coniugare una formazione accademica in ambito artistico-umanistico, con una formazione avanzata in ambito economico-manageriale.

Economia della cultura

Ha conseguito un Dottorato di Ricerca in Economia della Cultura presso l’Università IULM di Milano.

Business Management

Ha conseguito un Executive MBA presso la SDA Bocconi School of Management.

Leadership

Ha parteciapto all’Oxford Executive Leadership Programme della Saïd Business School dell’University of Oxford

Cerimoniale e Protocollo Internazionale

Ha ottenuto il Diploma di Esperto in Cerimoniale e Protocollo Nazionale ed Internazionale dalla SIOI (Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale).

Musicologia e Lettere

Si è laureato in Lettere e Musicologia presso l’Università Sapienza di Roma, dove ha studiato sotto la guida del musicologo americano Philip Gossett, e in Discipline della Musica e delle Arti presso la Middlesex University di Londra.

Alta formazione musicale: violino

Si è diplomato in Violino presso il Conservatorio di Musica di Santa Cecilia di Roma.

Ricerca

Come ricercatore, Petrocelli è impegnato ad approfondire i temi del management culturale e delle arti performative, la diplomazia culturale e la leadership culturale e dell’innovazione nelle arti.

metaLAB at Harvard University

Ricercatore Affiliato (2020-presente)

Petrocelli è membro del centro di ricerca internazionale metaLAB dell’Universtià di Harvard dal 2020, in qualità di Ricercatore Affiliato. Assieme a Jeffrey Schnapp, coordina il progetto di ricerca “Future Stage”, dedicato ad investigare il futuro delle arti performative.

MIT Media Lab

Ricercatore in visita (2011-2012)

Nel 2016, nel percorso di ricerca legato al conseguimento del dottorato, Petrocelli ha condotto studi sperimentali presso il MIT Media Lab come Ricercatore in Visita, collaborando con il compositore americano Tod Machover sull’interconnessione tra innovazione, tecnologia e management nelle arti performative.

Yale University

Visiting Fellow (2011-2012)

Nel 2011 – 2012, Petrocelli ha ricevuto una borsa di studio dalla Beinecke Rare Book & Manuscript Library della Yale University per condurre come Visiting Fellow studi musicologici su manoscritti originali del compositore britannico William Walton.

Insegnamento

Docente appasionato, Petrocelli insegna in qualità di docente a contratto e docente ospite in alcune delle più prestigiose univeristà internazionali, fra cui: la New York University, l’Università Sorbona di Parigi, l’Università Bocconi di Milano.

Incarichi accademici

Università Bocconi di Milano: Coordinatore, Programma Diplomazia Culturale

ISPI School (Istituto per gli studi di politica internazionale): Coordinatore, Professional Certificate Diplomazia Culturale

Università Cattolica di Milano: Docente, Master Cultural Diplomacy

Accademia Teatro alla Scala: Docente, Master in Performing Arts Management

LUISS Business School: Docente, Master of Music Business

Burgundy School of Business: Visiting Professor, Master in Cultural Management

European School of Economics: Docente, Master of Music Business

John Cabot University: Docente, Master of Management and Digitization of Cultural Heritage

24Ore Business School: Docente, Master of Economics and Management of Arts & Cultural Activities

Treccani Edulia: Docente, Corso Diplomazia Culturale

Accademia Costume e Moda: Direttore Scientifico, Master in Creative Direction for the Performing Arts

SAE Institute Milan: Docente, Master of Music Business

Global Leaders Program: Docente

Rome Business School: Direttore, Master in Arts and Culture Management (2015-2017)

Pubblicazioni

Petrocelli è autore di saggi musicologici e libri sul management della cultura e delle arti dello spettacolo.

Ha pubblicato il primo lavoro di ricerca strutturato e completo dedicato alla storia dello sviluppo dei teatri d’opera nel Medio Oriente e Nord Africa.

Come musicologo, ha pubblicato una collana di studi sulla musica britannica del XX secolo, dedicata in particolare a compositori come William Walton, Edward Elgar, Benjamin Britten.